Vai al contenuto principale

La Voce delle Associazioni

Osservatorio Federconsumatori: 10 anni di rincari delle tariffe per i servizi pubblici

Pochi giorni fa, il C.R.E.E.F. - Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione della Federconsumatori ha aggiornato la sua analisi sull’evoluzione delle tariffe dei servizi pubblici negli ultimi 10 anni. L’indagine illustra chiaramente come, nell’ultimo decennio, le tariffe per molti servizi siano aumentate mediamente del 41%, a fronte di un’inflazione del 20,4%; ciò ha comportato una notevole crescita della spesa sostenuta dalle famiglie italiane soprattutto per le voci di consumo quotidiano. D’altronde è un dato di fatto come ormai, anche a causa dell’aumento dei costi relativi a tali servizi si è registrato, e forse si continuerà a registrare, un grave aumento della morosità e delle richieste di sospensione delle forniture. Sempre guardando ai risultati dell’indagine è poi importante notare come proprio le tariffe amministrate dagli Enti Locali o soggette ad attività di regolamentazione a livello nazionale abbiano subito le variazioni più significative: la crescita più elevata dal 2004 al 2014 è stata quella delle tariffe dell’acqua (+80,1%), dei rifiuti (+70,3%), dell’energia elettrica (+48,4%), dei trasporti ferroviari (+46,2%), del pedaggi autostradali (+46,5%), del gas (+42,9%), dei trasporti urbani (+33,5%). Inoltre, osservando l’andamento di tali tariffe in due fasi, una precedente alla crisi dal 2002 al 2008, l’altra in piena crisi dal 2008 al 2014, l’indagine evidenzia come, nonostante la crisi ed il concomitante calo del potere di acquisto delle famiglie, alcune tariffe (acqua, rifiuti e trasporti) siano aumentate in maniera decisamente più marcata rispetto alla fase pre-crisi.